Dove Vederci

CANALE 9 DIGITALE TERRESTRE

CANALE 149 SKY

CANALE 9 TIVÙ SAT

 

Via Poma, un caso irrisolto: il documentario su Dplay Plus

Il 7 agosto 1990 la ventenne Simonetta Cesaroni viene trovata morta in via Poma a Roma. A 30 anni dal delitto uno speciale su Dplay Plus ripercorre tutte le tappe di una vicenda ancora irrisolta.

Il 7 agosto 1990 Roma è una città praticamente deserta. Le temperature bollenti hanno spinto come ogni anno i romani al mare o in montagna. Tra i pochi che resistono nella Capitale c’è Simonetta Cesaroni, 20enne impiegata dattilografa che il giorno dopo sarebbe partita in vacanza senza il fidanzato Raniero Busco, con cui ha un rapporto conflittuale e ha litigato qualche giorno prima.

Ma Simonetta non partirà mai. Quella sera verrà infatti trovata cadavere nel suo ufficio in via Carlo Poma 2. Sono passati trent'anni e non è stata ancora fatta giustizia su un atroce delitto. Su Dplay Plus puoi vedere Via Poma, un caso irrisolto. Un documentario che ripercorre una vicenda ancora d'attualità

VIA POMA, UN CASO IRRISOLTO: IN ESCLUSIVA E SENZA PUBBLICITà SU DPLAY PLUS

Martedì pomeriggio del 7 agosto 1990, Simonetta Cesaroni, che abita nel popolare quartiere Don Bosco, non va al lavoro con la macchina che è dal meccanico. Così la sorella Paola decide di accompagnarla alla fermata metro Subaugusta. Dopo 40 minuti circa, Simonetta scende a Lepanto e si dirige verso via Carlo Poma 2, sede dell’Associazione Italiana Alberghi della Gioventù. Terzo piano, scala B. L’ufficio è chiuso al pubblico, ma Simonetta ha le chiavi e verso le 16 apre la porta e accende il computer. Poi alle 17.35 alza la cornetta e chiama la collega Luigia Berretti per chiederle una password utile alla registrazione di alcune pratiche. La Berretti la richiama poco dopo e gliela fornisce. 

GUARDA SU DPLAY PLUS ANCHE L'ASSASSINIO DI MELANIA REA

Alle 18.20 Simonetta dovrebbe chiamare Salvatore Volponi, uno dei suoi datori di lavoro, per alcuni aggiornamentI. Ma quella telefonata non arriverà mai. Trascorrono le ore e la famiglia di Simonetta, che avverte sempre in caso di ritardo, inizia a preoccuparsi. La ragazza non è dal meccanico, dove sarebbe dovuta andare per riprendere la macchina, né alla fermata metro Subaugusta, dove la sorella è ad aspettarla insieme al fidanzato Antonello Baroni. 

Paola Cesaroni e Antonello Baroni si recano così all’abitazione di Volponi che però non conosce indirizzo e utenza telefonica dell’AIAG. A fornirli a Volponi ci pensa un suo socio, Ermanno Bezzocchi, in Calabria per le vacanze. Alle 23.30 in via Poma 2 arrivano Paola Cesaroni, il fidanzato Antonello, Salvatore Volponi e suo figlio Luca. All’ingresso dello stabile vengono fatti entrare da Gisueppa De Luca, moglie del portiere Pierino Vanacore. 

L'OMICIDIO VARANI: GUARDA IL DOCUMENTARIO SU DPLAY PLUS

Giuseppa De Luca apre la porta dell’ufficio di Simona col mazzo di chiavi di riserva e fa entrare tutti. Non si sente un rumore, ma nell’ultima stanza in fondo a sinistra, quella del capo ufficio dell'AIAG Corrado Carboni, c’è la luce accesa. E c’è anche il corpo straziato e seminudo di Simonetta. La scena che si presenta è agghiacciante. Simona riporta ferite profonde ovunque, provocate da ben 29 coltellate. Poco prima dev'essere stata stordita con un forte colpo alla tempia, nell’istante in cui è finita la colluttazione. L’assassino ha pulito il sangue dal pavimento e sottratto alcuni oggetti personali di Simona: mancano infatti gli slip, la maglietta, i pantaloni, 50mila lire, un anello, un braccialetto, un girocollo e soprattuto le chiavi ufficio.

Sulla scrivania c’è un foglietto con su scritto “ce dead ok”, dove “ce” starebbe per “Cesaroni” e "dead" per "morta". Il caso si dimostra subito difficilmente risolvibile, il tempo scorre in fretta senza una risposta. A inizio Duemila, quando le speranze di trovare il colpevole sembrano ormai cedere il passo allo scoramento, la morte di Simonetta torna d'attualità: il DNA del fidanzato viene ritrovato sugli indumenti della vittima. Prima di lui, diverse figure erano finite sotto la lente d'ingrandimento degli investigatori e tanti erano stati i colpi di scena. A distanza di trent’anni ricostruiamo la vicenda grazie al documentario Via Poma, un caso irrisolto: in esclusiva e senza pubblicità su Dplay Plus

***

Scopri Dplay Plus, il servizio a pagamento di Dplay che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con Dplay Plus avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoiI primi 14 giorni sono gratis per i nuovi abbonati, provalo subito!